CASCINA SAN CARLO, Cenni sul profilo storico istituzionale, estratto da LE ISTITUZIONI STORICHE DEL TERRITORIO LOMBARDO XIV-XIX SEC. - PROGETTO CIVITA CREMONA - REGIONE LOMBARDIA - 2000 - con aggiunte del curatore.

 

Comune di Cascina San Carlo, 1706 – 1797

 

Precedentemente unita a Rubbiano, da atti copiati sulle carte iniziali del registro d’estimo relativo alla Cascina San Carlo apprendiamo che con ducale del 31 dicembre 1705 la Cascina San Carlo fu costituita in comune autonomo (Estimo veneto, 1685).

 

Comune di Cassine San Carlo, 1805 – 1809

 

Con decreto datato 8 giugno 1805 il comune di Cassine, che non risulta citato nei compartimenti territoriali precedenti, ed in quelli successivi, fu inserito nel cantone I di Crema del distretto II di Crema del dipartimento dell’Alto Po.

In osservanza della legge datata 24 luglio 1802 e in virtù dei 117 abitanti fu classificato come comune di III classe (legge 24 luglio 1802; decreto 8 giugno 1805).

In base al compartimento entrato in vigore dal 1 gennaio 1810, pubblicato in seguito alle concentrazioni dei comuni avvenute in attuazione del decreto 14 luglio 1807, il comune di Cascine San Carlo fu concentrato nel Comune denominativo di Casaletto Ceredano (decreto 14 luglio 1807; decreto 4 novembre 1809).

 

Dal 1816 risulta aggregato a Credera.

 

 

Pagina principale del Comune di Credera con Rubbiano

 

Pagina principale del sito